Contratto di locazione per studenti universitari

Il contratto di locazione per studenti universitari è un particolare tipo di contratto a uso transitorio dove “una parte (il locatore) si obbliga a far godere all’altra parte (locatario o conduttore), una cosa mobile o immobile per un dato tempo, verso un determinato corrispettivo” (art. 1571 Codice Civile).

Secondo quanto previsto dall’art.5 della Legge 431/1998, spetta ai comuni sede di Università o di corsi universitari distaccati, eventualmente di concerto con i comuni limitrofi, promuovere specifici accordi per la definizione dei contratti per studenti universitari.

Possono partecipare agli accordi:

  • le organizzazioni delle proprietà edilizie e dei conduttori maggiormente rappresentative (art.2);
  • le aziende per il diritto allo studio;
  • le associazioni di studenti;
  • le cooperativi e gli enti non lucrativi operanti le settore.

Le principali caratteristiche del contratto di locazione per studenti universitari

Questa tipologia di contratto rientra nella disciplina dei contratti di locazione a uso abitativo per finalità non turistiche e deve rispettare i seguenti requisiti:

  • può essere stipulato per un periodo di tempo limitato alla permanenza, in una città universitaria, per motivi di studio;
  • per il godimento dell’immobile è necessario che il conduttore (comunemente conosciuto come inquilino) paghi un canone stabilito sulla base di appositi accordi territoriali per questa tipologia di locazione;
  • il canone dovrà essere corrisposto in rate preventivamente concordate con il locatario nei tempi stabiliti dagli accordi.

Il contratto può avere una durata minima di 6 mesi e non può superare i 36 mesi. Alla prima scadenza si rinnova in automatico per uguale periodo, nel caso in cui l’inquilino non comunica al locatore la disdetta (con almeno 3 mesi di anticipo prima della data di scadenza del contratto).

Il contenuto del contratto

Affinché il contratto possa essere considerato valido è importante che contenga:

  • l’anagrafica del locatore e del locatario;
  • le informazioni sull’immobile ceduto in locazione che deve trovarsi in un comune sede di università. Tra i dati da inserire: indirizzo, piano, numero dell’interno, numero di vani, se ammobiliato o meno, eventuali parti accessorie date in locazione (ad es. il posto auto);
  • la durata della locazione;
  • il canone e le modalità di versamento (la cifra da pagare in rate e la data per il pagamento);
  • il deposito cauzionale necessario per coprire eventuali danni all’immobile;
  • esplicito riferimento alla condizione dell’inquilino (studente fuori sede iscritto presso un’università ubicata nel comune di appartenza dell’immobile).

A partire dalla data di stipula del contratto di locazione è compito del locatario provvedere, entro 30 giorni, alla registrazione dello stesso. Le spese di registrazione sono equamente divise tra i due contraenti.

Apr 17, 2015 | Posted by in Modulistica | 0 comments

Add Your Comment

Your email address will not be published.

WordPress theme by Mondo Ufficio